Marotta: “Draxler? Ci ha infastidito il suo rifiuto”. Quindi non era stata la Juve a mollarlo

admin 22 dicembre 2016 6 1.897 views
Marotta: “Draxler? Ci ha infastidito il suo rifiuto”. Quindi non era stata la Juve a mollarlo

Vi ricordate quando, due estati fa, Julian Draxler disse no alla Juventus dopo un lungo corteggiamento, preferendo il trasferimento al Wolfsburg (finanziato anche dai soldi dell’Inter spesi per Perisic)? Dopo quell’episodio, siccome un rifiuto alla Juve è qualcosa di inimmaginabile, la stampa amica del club altro non ha fatto che sostenere come fossero stati i bianconeri a tirarsi fuori dopo aver presentato un’offerta da loro giudicata sufficiente e senza volontà di aumentarla. In altre parole, è stata la Juventus a tirarsi fuori e non il giocatore a dirle di no. Perché la Juve non si rifiuta. Peccato che nelle ultime ore, da Doha, l’a.d. Beppe Marotta si sia lasciato sfuggire una frase che ha mandato in fumo settimane di strategia mediatica sulla vicenda: “Draxler è impossibile che venga alla Juve perché ci diede molto fastidio il suo rifiuto. E se la rifiuti una volta, beh, la Juve si mette a guardare altrove”. Ahi ahi, quindi era vero che Draxler aveva preferito il blasonato Wolfsburg alla Juventus. Quindi un calciatore può rifiutare di vestire quella maglia, è vero. Questa vicenda insegna che chi mente deve avere una buona memoria, altrimenti i nodi vengono sempre al pettine.


  • luis, carini villagrazia

    sono dei “bambini” che quando sono ostacolati fanno come “”la volpe con l’uva, o come il gatto con la sarda, dicendo che non servono che sono verdi””, nascondono così bene tutto, che non si ricordano più quello che hanno detto mesi prima, peggio di pinocchio……

  • andrea1952

    non infierite, Marotta comincia ad avere una certa età ed è dura ricordare tutte le balle, le bombe che rifilano ai loro tifosi, intanto loro credono tutto ed a tutto. Più grave invece è lo sputtanamento delle puttane dei media calcistici che, capisco il loro attaccamento al padrone, ma a tutto ci deve essere un limite altrimenti, basterebbe non definirsi più giornalisti, ma portavoce rubentini e tutto risulterebbe più veritiero. Loro hanno due soli modi per svolgere la loro prostituzione o leccano il culo alla rube o denigrano gli avversari ed Inter in particolare od ambedue assieme, non curandosi neppure di silenziare il rumore dei rosichii quando gli avversari fanno bene, come nel caso di ieri sera in occasione della partita Inter Lazio, dove il rumore di stridio di denti della rosea ed affini lo hanno sentito pure nella stazione orbitale e gli astronauti si sono pure allarmati credendo che tale rumore fosse dovuto ad una pioggia di meteoriti o disturbi alle comunicazioni. Purtroppo la stampa è questa altrimenti come avrebbe potuto andare al potere Berlusconi Renzi e prima di loro gli scudo crociati?

  • interistacomunista

    Ma perchè il problema deve sempre essere cosa dice la stampa della juventus o dell’inter? Ognuno agisce come crede e chi è più bravo vince…..tutto il resto,compreso ciò che dicono i giornali poco dovrebbe interessare. Se no lo sport diventa solo una caccia al colpevole e non un cercaere di migliorarsi e superare l’avversario!

    • andrea1952

      tutto giusto, in teoria, ma quando ti trovi di fronte a trofei vinti con la truffa, o dopati di farmaci ed il truffatore protetto e quasi esaltato da stampa prostituita al loro potere, la teoria va a farsi benedire. Puoi superare l’avversario se questi non adopera mezzi illeciti, altrimenti diventa un’impresa quasi impossibile, anzi sei esposto agli sberleffi dei media e dei giornalai che in essi vogliono far carriera, quindi diviene automatico, smascherarli e controbatterli e siccome l’Inter non possiede stampa ne TV l’unico mezzo resta la rete

    • Angelo Onofri

      Si !…. Se si giocasse nel campetto della parrocchia o ai giochi della gioventu’ avresti ragione! Ma siccome siamo a dei livelli in cui certi personaggi pur di sopraffare umiliare e fare fessi gli avversari usano qualsiasi mezzo ,lecito o meno e assecondati da questa specie di carta stampata sottomessa alle strategie mediatiche del padrone ecco che il tuo ragionamento perde di sostanza e diventa pura utopia!!…. Amala!

  • Polinz27

    Non avrei mai scommesso che, con il passare degli anni dal 2006 in poi, la Juventus potesse trovare un personaggio squallido come Moggi.

    Ma questo tizio si sta dimostrando sempre più all’altezza del suo predecessore.