Gli equilibristi

admin 26 settembre 2017 14 1.646 views
Gli equilibristi

L’andazzo che abbiamo preso non è bellissimo sotto il punto di vista del gioco, ma credo – in tutta franchezza – che questi uomini non siano fatti per il bel gioco, ma per le cose concrete, solide, ruvide e lavorate.

La qual cosa non è una critica, ma un dato di fatto.

Brozovic è fatto per il momento estemporaneo (sempre più raro, a dire il vero), Perisic nasce per puntare l’uomo prima ancora che per scambiare in velocità, Candreva anche, Borja Valero è il classico spagnolo tikitakeggiante, e così via più o meno tutti gli altri. La pallaneipiedi è l’obiettivo dei più; il taglio in diagonale, il movimento dietro la linea, una semitreccia non sono sempre nelle corde dei nostri.

Badate, però; perché giocare in modo non spettacolare non significa necessariamente non essere incisivi o produttivi, anzi. In questo senso l’Inter pare la sostanza fatta squadra di calcio. E qui iniziano le cose più belle.

Come il gruppo, ad esempio; negli anni scorsi spaccato in mille pezzi, oggi unito più che mai come un blocco monolitico di cemento armato.

Come la difesa, ad esempio; che doveva trovare in Miranda il leader che avrebbe dovuto far crescere Skriniar e che, invece, si ritrova oggi un gigante slovacco che offre sicurezza allo svagato brasiliano.

A proposito, i numeri della difesa, snocciolati ormai da diversi giorni, ad oggi parlano chiaro: con questi numeri, l’Inter vincerebbe lo scudetto.

Sì, ma noi non siamo fessi e lo sappiamo che reggere così per un intero campionato sarà dura. Lo sappiamo che il quarto posto è l’obiettivo stagionale. Lo sappiamo che pure l’Inter di Filippone Melo era prima alla fine dell’andata.

Prendiamo, allora, quello che viene, non scansando colpi di culo negli anni scorsi sconosciuti e colpi di Var sinora finalmente obiettivi.

Ha ragione qualcuno a dire che oggi l’Inter non la conosce nessuno. Non sappiamo se è troppo forte pur giocando male o troppo fragile perché gioca così male. E’ come se fossimo come un equilibrista su di un filo. A metà tra lo stare in piedi per gli applausi finali o il cascare giù come un pesce nella rete.

Prima di ogni santa partita, non sappiamo come diavolo approcceremo, come si saranno alzati la mattina il buon Miranda o il giovane Mauro. Tutto un gigantesco punto interrogativo. E noi nel mezzo, sul filo, passo dopo passo, con il fiato sospeso e la mano vicino agli occhi come quelli che non vogliono vedere la scena violenta di un film.

Ci siamo dentro fino al collo ormai. Non resta che aspettare e continuare con la concretezza e la sostanza. Le cose formali, lo sappiamo, sono ormai una barzelletta sportiva.

#Amala

Giancarlo De Cata


  • andrea1952

    De Cata, non mi preoccupa che l’Inter non pratichi il “bel gioco” dal lato estetico. Mi preoccupa la poca fluidità del gioco nerazzurro, i pochissimi palloni giocabili che arrivano ad Icardi. Il predominio nel possesso palla ed i pochissimi tiri nello specchio della porta. Se l’Inter giocasse un gioco poco visibile ma arrivasse al tiro con estrema facilità, soprattutto contro le squadre che si chiudono in difesa, che sono poi la maggioranza, quando affrontano le compagini maggiori, non avrei nessun dubbio. Ma così, per il momento, non è. Intendiamoci anche l’Inter del triplete non praticava il calcio champagne, ma la squadra era velocissima ed aveva finalizzatori implacabili e la difesa partiva da loro, oltre ad una difesa che era letteralmente un muro, cosa importantissima nel campionato italiano. Tutto questo c’è nella squadra attuale?

  • andrea1952

    sembra che Vanheusden abbia subito un grave infortunio che se confermato lo escluderebbe dalle riserve come centrale in prima squadra, speriamo si tratti di cosa meno grave del previsto, soprattutto per il giovane che ha messo impegno per salire ai livelli a cui è arrivato. Si stanno avverando le preoccupazioni di coloro che in estate affermavano che l’Inter rischiava avendo pochi centrali difensivi. Molti soloni del calcio ed anche tifosi interisti dicevano che non c’erano problemi. Ora restano centrali Skriniar, Miranda e Ranocchia, speriamo non si infortunino altri o che subiscano squalifiche, altrimenti Spalletti metterà in campo quei tifosi che davano agli altri di gufi e menagramo o i soloni giornalisti. Da tener presente che Ranocchia il sostituto naturale di Skriniar o Miranda era dato per partente già con le valige pronte per lasciare l’Inter quindi o con una gran voglia di smentire chi lo voleva cedere o con spirito menefreghista di chi sa che non fa parte del progetto di Spalletti

  • andrea1952

    Donnarumma mette paura a chi gli batte contro un rigore. Stasera forse il tiratore era bendato. Su Top Calcio i BBilanisti per non parlare della figura di m che stavano facendo i loro giocatori non facevano che portare a paragone l’Inter delle scorse stagioni in EL. Sulla 8 hanno parlato pochissimo del BBilan non si sono neppure accorti che il goal di Cutrone nel recupero era in fuorigioco, ma cosa vuoi andare a vedere il centimetro! Eppure in studio vi erano ex giocatori, distratti o complici? Eppure il Rjeka (il valore complessivo dei giocatori dell’intera squadra non equivale quanto pagato Bonucci) era proprio il cacio sui maccheroni per illudere ancora i propri tifosi, peccato che non abbia sentito Suma commentare la figura di m (m che non sta per Mussolini) fatta dalla sua squadra, mi hanno detto che lo hanno visto aggirarsi con in mano due gigantesche ventose, forse gli serviranno per potersi arrampicare sugli specchi?

    • maigobbo

      non sono una squadra di calcio bensì un’accozzaglia di figurine alcune delle quali neanche di primo piano. Il rjeka equivale ad una buona squadra di serie B italiana eppure sti fenomeni per un pelo riuscivano a fare una figura di mer..

  • andrea1952

    Mi spiace constatare che troppo spesso su questo blog commento troppo e troppo spesso sono il solo. Ma dove sono finiti i tifosi nerazzurri, delusi, scoraggiati dalla squadra? Non credo motivi per cui discutere ce ne sono

  • Roberto Sinisi

    Caro andrea ho fatto notare agli autori del blog che dovrebbero darsi una mossa per rivitalizzare questo blog per dare nuova linfa..io amo ilrumoredeinemici,ho fatto altri commenti altre volte ma non mi sono stati pubblicati..eppure non ci vorrebbe molto per apportare migliorie a questo blog…ti saluto andrea..se mi pubblicano

    • andrea1952

      caro Roberto, mi spiace apprendere che non hanno pubblicato i tuoi post, non mi sembri uno che approfitta per insultare. Il problema è che spesso fra un post e l’altro passano spesso dei giorni e, dato che questo blog come altri, è un colloquio fra tifosi, è duro avere una risposta alle tue affermazioni dopo due o tre giorni, poi se controbatti ne passano altri e così via

  • andrea1952

    Depositata oggi la sentenza del processo penale che non aveva bianconeri imputati: “La tifoseria organizzata esercita forza intimidatoria nei confronti della società, ma alcuni gruppi agiscono sotto diretto controllo dei boss” Ci hanno preso proprio per fessi. Dico io, ma vi pare possibile che la rube consegna mazzette di biglietti agli ultras perché non facciano casino (hanno proprio dei bei tifosi che ricattano la loro squadra, proprio nello stile rube, li hanno addestrati bene attraverso il loro esempio) e una potenza come un Agnelli che in azienda schedò persino i dipendenti sapendo di loro vita e miracoli, (altro reato commesso in prescrizione) invece chi incontra il mono ciglio o dirigenti della rube, no, di quello nessuno sapeva niente, tutti mammolette, verginelle. poi si suicida, diciamo così a modo di Edoardo, tra l’altro infiltrato Digos, dopo che aveva deposto in procura, ma loro non sanno niente. Però sanno di dover dare i biglietti a dei signori, perfetti sconosciuti, certamente non gli passa neppure per l’anticamera del cervello di sapere chi sono? Simo proprio il Paese delle banane, ed i bananai ci hanno preso per fessi

  • andrea1952

    apprendo che Suning sta trattando l’aquisizione di un terreno denominato Piazza d’Armi per farne il centro sportivo dell’Inter al posto di Appiano Gentile, per un esborso iniziale di 100 milioni. Non sono milanese, quindi non conosco ne la Piazza d’Armi ne Appiano Gentile, quindi mi limiterò a fare una considerazione ed una domanda. Ma Suning non era impedito nell’investire nella ultima campagna acquisti? Escludendo il FFP che non considera gli investimenti in infrastrutture, non era bloccato dal Governo cinese? Ora invece scopriamo che per quello che riguarda gli investimenti immobiliari il discorso non vale, su quelli, comprendenti anche spazzi commerciali, Suning non ha remore, ma guarda il caso! Qualcuno mi dirà che non mi va bene niente, anche quando i ns. proprietari investono, no, può essere positivo, ma sarebbe forse meglio se si pensasse prima a fare una buona squadra di calcio, ricordando che l’Inter è stata grande, anche di recente, con Appiano Gentile, la Pinetina e Corso Vittorio Emanuele. Considerazione: sono stati a misurare il centesimo, si sono forse fatti sfuggire campioni o calciatori utili per pochi soldi tipo Schick o Emre Mor, si sono eclissati per Nainggolan ed altri top ed a distanza di un mese, sempre se vera la notizia, e sottolineo questo se, eccoli pronti a sborsare 100 milioni, il valore di una media/buona campagna acquisti, come esborso iniziale per farne campi d’allenamento e, soprattutto, a mio parere, centri commerciali? A me suona tanto di speculazione speriamo che sia solo una sensazione! Che fine ha fatto il nuovo stadio, resta San Siro a mezzo con i cugini? Ma che bella pensata!

  • andrea1952

    altra partita giocata di mer.. Hanno fatto schifo pure ai pulcini, loro giocano meglio e con più grinta. Squadra che trotterella, si disinteressa della palla quando l’ha un compagno. Fase difensiva da vomito. L’ultima in classifica ci ha fatto goal l’unico goal da lei segnato ha colpito due legni. Ma dove vogliono andare questi handicappati? Vadano a giocare contro i veri handicappati, forse con loro riuscirebbero anche a fare la gara. Icardi che ha sbagliato lo sbagliabile, addirittura un rigore in movimento, con palla parata dall’astronauta in orbita sulla Stazione Internazionale. L’unica cosa positiva sono i tre punti, nemmeno ampliamente meritati. Questa solfa non è da questa gara ma da inizio campionato escluse la gara con la Fiore. Vedere giocatori strapagati e stravalutati che passeggiano per il campo, non si interessano del pallone, sbagliano i movimenti difensivi più elementari, non rientrano e prendono un goal a difesa schierata da un avversario che nessuno contrasta, dove era nagatopo? Questo è il gioco di Spalletti? In confronto a quello che praticava con la Roma è come paragonare la palla a volo con il calcio. Si dovrebbero vergognare di rubare lo stipendio. Mentre i ns. proprietari con gli occhi a mandorla pensano alle speculazioni immobiliari e risparmiano su gli investimenti sui calciatori, prendendoci per il culo con il FFP e Mao, ma vadano a.c..re.. sulla grande muraglia

  • andrea1952

    sarebbe da varare una petizione, raccolta di firme, per invitare i conduttori, commentatori, opinionisti, registi, funzionari e chiunque appartenga allo staff della Domenica Sportiva per invitare questa gente ad andare a lavorare, ma non come stanno facendo, ma a lavorare con zappa, piccone e pala. Hanno ridotto una trasmissione sportiva ad un’accozzaglia di talk show in cui vi hanno messo politica, gossip, le cazzate più svariate fuor che lo sport ed il calcio in particolare. Hanno riempito lo studio di incompetenti (mi spiace solo che fra questi vi sia anche uno spazietto minuscolo pure Gian Felice Facchetti) lì solo per scaldare la seggiola e magari prendersi un lauto stipendio, mi riferisco a Sconcerti, Tardelli, ricciolino attempato e la conduttrice una illustre sconosciuta. Pur di denigrare l’Inter sono andati a scovare quel democristiano fallito di Mastella, ricordate quel fine dicitore della lingua di Shakespeare. “I am my wife!” che ha accusato l’Inter di non essere andata a ritirare una non meglio precisata targa ricordo a Benevento o una caxxata di questo genere. il fil rouge della trasmissione è Sempre contro la VAR soprattutto il garfagnino (in lucchesia sono famosi per la loro non particolare pervicacia, ma in confronto a Tardelli i veri garfagnini che stimo, sono dei Leonardo) Tardelli che ha fatto il controcanto ad Allegri, non contenti di aver avuto un rigore poi sbagliato dal pallone d’oro rotolone, che non c’era per niente, non contenti di essere stati graziati della non espulsione di Lichtsteiner, perché se la VAR ha appurato che vi era stata la gomitata, doveva esserci di conseguenza l’espulsione. Ma per i due dell’Ave Maria la VAR fa perdere troppo tempo. Ma i signori della DS limitarsi a far vedere le sintesi delle gare, di tutte le gare e magari i commenti degli allenatori, è troppo difficile arrivarci per i loro cervellini atrofizzati da troppa rube?

  • Anselmo

    Vergogna sono quelli come te che in ragione di un lauto stipendio pretendono che i calciatori siano macchine che non possono sbagliare. Io sono molto critico ma a posteriore mai a priori; se devo giudicare aspetto un certo lasso di tempo per permettere a chi di dovere di agire secondo il suo credo. Non lo faccio dopo 6 partite anche giocate male; e non me ne frega un cippa se il Benevento ha segnato; con Mou perdemmo anche contro un Catania inguardabile eppure vincemmo lo scudo; Handanovic fa il suo mestiere che è quello di parare cio che si può e non mi iscrivo al partito di quelli che lo vedono Santo perché non fa ne piu ne meno che il suo dovere. cosi come non pretendo che Icardi segni in 34 partite (x inciso non segna da Bologna cioè 2 partite fa….) ma quelli come te che non lo possono vedere pretendono anche ciò che non è possibile..(dire iche era un rigore in movimento è sostenere il falso essendo che il traversone arrivava da sx e lui era in pratica spalle alla porta con movimento ad andare incontro e con il piede sx che non è il suo piede..)
    L’Inter di Mancini si sfaldò dopo Inter-Lazio quando successe il finimondo nello spogliatoio e il Mister non riuscì piu a capirci nulla.
    Infine parli di bel gioco e citi la Roma che sono almeno 10 anni che giocano a memoria senza mai cambiare modulo… capisci anche te che non è semplice, anzi no te non lo capisci visto che seguiti a menarla.
    PS spero che un giorno Icardi vada via dall’Inter e che ti ritrovi con Immobile… poi vedremo chi sarà più forte….

    • andrea1952

      “Io sono molto critico ma a posteriore mai a priori; se devo giudicare aspetto un certo lasso di tempo per permettere a chi di dovere di agire secondo il suo credo.” Non ti basta il tempo da dopo il triplete? Non ti bastano le figure barbine fatte in EL? Quanti anni ti occorrono ancora per renderti conto del gioco dell’Inter? Dovrà arrivare ottavo/decimo o lottare per non retrocedere per muovere una velata critica al suo gioco? Vero che Handanovic fa il suo mestiere, ma quando una persona finisce sotto i ferri di un chirurgo, anche se un luminare, qualche dubbio sulla sua salute può venire od è obbligatorio dire che gode di ottima salute? Icardi vero che non segna dalla gara con il Bologna, ma ti sei accorto forse che ha marcato su rigore, non su azione? Credo che ci sia differenza anche se i rigori si possono anche sbagliare, credo che su azione Icardi non segni dalla partita con la Roma, le furbate durano poco al tempo di Internet. Quando ti arriva una palla pulita, con nessuno di fronte, escluso il portiere, che arrivi da sinistra o destra, come lo chiami te, se non un rigore in movimento. Icardi ha sbagliato un goal già fatto e non è la prima volta, anche nella stessa partita con il Benevento, poi guarda la classifica marcatori, togli i rigori e guarda dove si trova Icardi. Poi ripeto può arrivare a vincere la classifica cannonieri, ma Icardi ha spesso questi cali di “produttività”.
      Come fluidità e pericolosità di gioco non solo la Roma è superiore ai nerazzurri, purtroppo, e non è il primo anno, escludendo quello di Mancini, che per il girone d’andata regge botta e poi crolla, Mancini ha allenato l’Inter per due anni, quale gioco ha dato all’Inter? Speriamo che quest’anno non sia così. Non abbraccio il tanto peggio, tanto meglio, sarei felice se i nerazzurri vincessero il campionato, giocando male, con un rigore a favore a partita e con gli avversari in 10, ma i sogni di solito, muoiono all’alba.
      Se Icardi andasse via? Ci sono stati periodi in cui Icardi non era in squadra, per infortuni o squalifica (pallone tirato all’arbitro) e Perisic & C. hanno segnato a raffica di più che con Icardi presente. Quanti goal od assist ha fornito Icardi nella sua Nazionale? Perché nei prossimi impegni della Albiceleste Icardi e Dybala saranno in panchina? Mi guardo bene dal dire che Icardi non è un top, purtroppo per il suo tipo di gioco, se va in leggera crisi, mette la squadra in 10.

  • andrea1952

    lo avrai sicuramente già letto, ma qualora ti fosse sfuggito ti allego l’editoriale di Lapo De Carlo su FC Internew, il quale con toni più sfumati, afferma quello che ho spesso scritto dell’Inter. Anche lui un tifoso dei cugini? Anche lui un vecchio brontolone? Dalla foto non sembra proprio, comunque leggi l’articolo, come vedi non sono il solo a vedere il bicchiere mezzo vuoto. http://www.fcinternews.it/editoriale/il-bivio-258829