La Christillin entra nel Consiglio FIFA. Tifosa juventina, offese Thohir

admin 15 settembre 2016 29 2.538 views
La Christillin entra nel Consiglio FIFA. Tifosa juventina, offese Thohir

Ruolo importante per Evelina Christillin, che sostenuta dalla FIGC è stata eletta stamani nel Consiglio FIFA. L’ex vice presidente del TOROC, tifosa juventina dichiarata, è salita agli onori della cronaca sponda nerazzurra nel giugno 2013 quando, dalle colonne dell’Huffington Post, aveva mandato un appello a Massimo Moratti affinché non vendesse l’Inter a Erick Thohir, definendo il tycoon indonesiano “una specie di Jackie Chan in versione cicciottella”. Parole che scatenarono una reazione sdegnosa del web e che la stessa Christillin definì solo ‘affettuose’. Non male che sia lei a rappresentare l’Italia nell’organo principale del calcio mondiale…

  • Fabio Inter2010

    La cosa grave e che e stata sostenuta dalla FIGC….A proposito ma perche’ la FIGC esiste? Tavecchio un anno fa’ si incontro con Giraudo a Roma e furono beccati….. ovviamente pero’ si erano mangiati solo una pizza e bevuto un caffe’ come si fa’ tra vecchi amici….Per quando riguarda la Christillin ogni commento e superfluo….Il post dove avete messo questa notizia dice: “Senza vergogna” … Con due parole si e detto tutto….. Amala!

    • andrea1952

      i politicanti del calcio la vergogna non sanno neppure dove sta di casa. Sono solo vassalli (per non definirli servi, parola troppo calzante) poi c’è la “casa reale” che comanda, distribuisce premi, materiali a quattro ruote e avanzamenti di carriera, supportati dagli “alfieri” dei media. A riprova? Guarda il titolo della cazzetta, oltre ad essere offensivo, perché è doverosa la critica, con una partita come quella di ieri sera, altra cosa è l’offesa, si sarebbero guardati bene dal farlo alla giuve o a qualsiasi altra squadra che avesse giocato anche peggio dei nerazzurri

  • Michele Franchi

    si…. qualcuno con le mani in pasta ce lo devono sempre avere….. è nella loro natura

    • Moky57

      Ciao Michele, se proprio vogliamo rimanere in ambito “Cul in ario”, qualcuno della real casa ne è ghiotto, opterei per zucchine o verdure di siffatta forma.
      Del resto la signora aveva come mamma una tal maria, e si sa, le figlie son le prime a darla via.

  • Vox

    Alla presidenza dell’UEFA è stato invece eletto il croato Cefarin che porterà Deki come suo consigliere.

    “Se la giùve ha Christllin noi c’havemo Cefarin !!!”

    E il Caro Leader Zhang Jindong avanza lento ma sicuro…
    La mossa del dragone…

    • ORP1964

      E pensare che con quei cognomi – apparentemente “tronchi”, pertanto tipicamente nordestini – sono, invece, l’uno sloveno (non croato e sembra si scriva pure Ceferin), l’altra piemontese, mica veneti……
      In ogni caso concordo in pieno con gli effetti della longa manus cinese. E del poliglotta (6 lingue) “interista” Infantino (presidente da febbraio della FIFA), non vogliamo dir niente? Mica è come Tavecchio. Chiamasi “politica” sportiva.

      • Vox

        Hai ragione: Ceferin, ed è sloveno.
        Che fosse croato lo avevo letto in un post di un blog interista.

        Ma Christillin è un cognome più francofono che veneto, ciò’!

        • ORP1964

          Infatti: l’ho scritto che sono entrambi “fintamente” veneti, con quelle desinenze senza vocali finali.

  • andrea1952

    se fosse solo per la definizione di Thohir, riposto un commento postato in settimana bollente…. mi scuso ma avevo già letto la notizia e mi ero sfogato per la puttanata fatta. leggo da Internew che la rubentina Evelina Christillin è stata mandata dalla FIGC, guarda coincidenza, nel consiglio FIFA, non è bastato Platini che da buon rubentino lo hanno pescato con le mani nella marmellata. Chi è la Evelina Christillin rubentina “amica” degli Agnelli? Chi la presidente dei giochi olimpici invernali di Torino, voluti dal suo “amico” che si sono risolti in un mare di sperperi di soldi pubblici, come pista di bob che si scioglie al sole, piste da sci abbandonate, alberghi chiusi, funivie travolte da valanghe ecc. Forse quella che definì Thohir “un Chen cicciottello”? Quella che definito calciopoli una farsa? Forse quella signora presidente del “poltonificio” carrozzone pubblico dell’ENIT? Evelina Christillin presidente del TOROC organismo di diritto privato, quindi non soggetta ai controlli pubblici per appalti, consulenze e spese inerenti giochi olimpici invernali, ma anziché fondi privati, che avrebbe dovuto adoperare, utilizzava fondi pubblici, un escamotage per avere soldi pubblici ed adoperarli privatamente dandoli senza controlli, agli amici degli amici. Insomma con questa nomina capiamo chi comanda in FIGC

  • andrea1952

    Primo tempo Inter vattela a pesca. Inter inguardabile, l’unica squadra che gioca in campo sono gli israeliani. Lenti approssimativi errori a ripetizione in difesa Brosovic che mi domando perché sia in campo. Nessuno che si smarca senza palla, non commento Ranocchia perché non voglio sparare sulla Croce Rossa. Melo che come dice il suo nome lo vedrei benissimo alla raccolta delle mele in Trentino. Ma dove vogliono andare questi al massimo in un campetto sterrato di provincia e domani mattina tutti a spalare cemento in qualche cantiere edile, l’unica cosa che forse saprebbero fare, che per guadagnare quello che questi debosciati guadagnano in 5 minuti ai manovali occorrono anni di lavoro. Lavoro parola sconosciuta a queste damine in creolina che si credono giocatori, guidati da un allenatore che forse andrebbe bene in un campionato interregionale, ammesso che lo comprendano quando parla. Questo il primo tempo a dopo per il secondo.

  • andrea1952

    secondo tempo inter Apoel. SEMPLICEMENTE INGUARDABILI. VADANO A LAVORARE SI VERGOGNINO A FARSI CHIAMARE CALCIATORI Non voglio vedere più quel babbuino olandese in panchina, vada a mungere le vacche in Olande assieme a chi lo ha voluto come allenatore il filippino capace solo lui si, a mungere l’Inter investendo zero capitali, ipotecando la squadra anche le bombolette spray dei massaggiatori ed intascando interessi da usura. Ho visto Moratti sorridente in tribuna, lo credo è riuscito a vendere una squadra piena di debiti. Cambino mestiere, senza un minimo di gioco, senza un’idea di gioco ognuno gioca male, ma solo per se stesso, abulici, apatici senza coglioni, anzi essendo per l’intero dei coglioni. Vadano tutti in Cina, ammesso che li vogliono, oppure in olanda a cogliere tulipani assieme a quell’incapace di scimmione che chiamano allenatore. Vuole tempo? Per far cosa? Non gli basta i casino gigante che sta facendo? Ridatemi Mazzarri o Gasperini o meglio Mancini, e De Boer mandatelo in campo, ma con il secchio e spugna quando un giocatore, o almeno uno chiamato così, si infortuna. Vuole tempo? Quando ha accettato l’incarico non sapeva quando iniziava il campionato, non sapeva che l’Inter avrebbe giocato l’ EL? Ha accettato ed ha sfruttato l’incompetenza di ET, il fan di Ventola, che è dallo scorso anno che provava a farlo venire in nerazzurro. Se avessero un briciolo di dignità dovrebbero vergognarsi, chiedere scusa, dimezzarsi i compensi e sono sempre troppi, e se fosse possibile entrare in campo a dorso nudo per non infangare la maglia nerazzurra

    • ORP1964

      Ah ecco! Allora siamo in perfetta sintonia: “SEMPLICEMENTE INGUARDABILI” (ho letto i tuoi commenti a partire dal più recente). Andrea, ti sei dimenticato la gogna di stampo medievale, poi le “sanzioni” le hai dette tutte. Scusa se la butto in vacca, ma ormai non riesco più neanche ad incazzarmi e cerco di far scudo alla mal parata quasi solo con l’arma dell’ironia. Anche scrivendo su questo blog. Sono 5 anni che la maggior parte di loro non sono più degni dell’attenzione di tanti appassionati nerazzurri. Di quella personale del sottoscritto – per quello che può interessare agli eventuali lettori – bastano e avanzano (fra tutto il resto) gli 8 anni consecutivi di abbonamento a San Siro negli anni ’90, con trasferte meneghine dalla terra veneta ogni 15 giorni (coppe comprese) a botte di 500 km (A/R).
      E se per caso, alla fine di Inter-J**e, dagli altoparlanti del Meazza irradiassero un noto pezzo della ex band inglese “FRANKIE goes to Hollywood/Frankie va a Hollywood” (allo “zio” omonimo fischierebbero di sicuro le orecchie…..), vuoi scommettere che quelli della Curva Nord, sagaci, non potrebbero che replicare col coro: “And why not Thohir to Jakarta, too?/E perchè no anche Thohir a Giacarta?”. Quel brano si chiama “The power of love/La forza dell’amore”, sentimento ormai quasi in via di consunzione in molti cuori (infranti) nerazzurri. Altro che “Amala!”
      Ma è un’opinione strrettamente personale.

  • andrea1952

    scontato della prova ignobile dei giocatori. Ma quanto tempo impiegherà a capire quello zuccone fi Frank de Boer a capire che il 4 3 3 l’Inter non potrà mai giocarlo, non ha gli uomini adatti, ne l’abitudine, anche Gasperini ne aveva la fissa e anche lui con i medesimi risultati, pure Mou all’inizio della sua avventura in nerazzurro, ma appena visti i risultati lui ebbe l’intelligenza di cambiare. Mi piacerebbe sentire i dialoghi di Frank quando spiega il gioco ad un giocatore che sta per entrare e soprattutto quello che capisce il giocatore. A vedere il gioco dell’Inter sembra che gli schemi siano stati spiegati in inglese da Frank tradotto in tedesco, poi passato in russo che a sua volta le spiega in cinese per poi tornare all’inglese che finalmente viene tradotto in italiano, che però pochi giocatori nerazzurri capiscono. Risultato una babele di lingue e soprattutto di gioco

    • ORP1964

      Pare che il poliglotta nerazzurro Infantino – tra una riunione e l’altra alla presidenza della FIFA – potrà dedicare prossimamente, ma “a chiamata” (e vai col lavoro precario……..), qualche ora del suo tempo per delle consulenze linguistiche in quel di Appiano Gentile….

  • disqus_HED

    Mi pare giusto ,dopo che platini se ne è andato mancava un”paiasso” in gonnella a rappresentare la squadra dai mille scudetti

  • andrea1952

    Sono molte le cose dell’Inter che non vanno, ma una cosa è costante gli errori arbitrali a sfavore dei nerazzurri. Esempio il primo goal dell’Hapoel con due giocatori dell’Inter Medel ed un altro placcati senza palla mentre stavano andando verso la loro porta. Nessuno ha spiegato che i blocchi non si fanno con le mani gettando a terra gli avversari? L’azione doveva essere interrotta. Con questo non giustifica la partita schifosa dell’Inter, ma solo per mettere in evidenza le vecchie abitudini arbitrali

    • ORP1964

      Dai Andrea – pur al di là delle tue ammissioni sullo schifo di ieri sera – ma anche solo appellarsi alle “vecchie abitudini arbitrali” dimenticando che anche noi, nell’annata aurea 2010 ne fummo giovati (bisogna essere onesti o viceversa nerazzurri – che è la stessa cosa – e quelli contro il Chelsea furono addirittura episodi ancora più eclatanti), è come osservare il dito anziché la luna che sta dietro. Siamo stati penosi e letteralmente inguardabili. Non voglio aggiungere altro se non precisare che, dopo essermi sobbarcato una trentina di Km solo per riuscire a trovare un Inter Club che avesse Sky (il sottoscritto si arrabatta con Mediaset Premium….) sono stato allietato da una soave visione che ha letteralmente tolto il fiato a tutti i presenti: una giovane “stragnocca”, una “fuori quota”, chissà forse una “reduce” dal concorso di Miss Italia che si è tenuto di recente nella mia regione. Erano anni che non se ne vedeva una così.
      Ecco, l’unico augurio che mi sento di formulare per domenica sera – visto che l’Inter è femmina ma dovrà pur vedersela contro una “vecchia signora” – è che i nerazzurri possano dimostrare un gioco rapportato anche solo al 10% di quel fascino magnetico di cui (io e pochi altri) siamo stati beneficiati: sarebbe già un buon viatico in funzione della trasferta ad Empoli di mercoledì.

      • andrea1952

        Sei stato accontentato con la rube il rospo Inter si è trasformato in “mis Italia” e pure senza essere truccata, ma al naturale. Per la direzione arbitrale con l’Hapoel, questa non giustifica per niente il gioco ed il comportamento della squadra. Ma era solo per rimarcare che simili falli così evidenti, ripetuti su due giocatori, non è possibile non siano stati notati da 12 occhi pagati per vederli. Anche contro la rube c’era un possibile rigore a ns. favore per trattenuta del solito octopus Chiellini su icardi, ma quello lo do per scontato che non sia visto, anche se nel complesso non è stato un arbitraggio scandaloso pur potendosi risparmiare l’espulsione di Banega per un fallo discutibile se da secondo giallo. Per questo con l’Empoli dovremo rivedere in campo Kondogbia, che speriamo sia cambiato pure lui in meglio

        • ORP1964

          Hai detto bene dell’arbitraggio di Tagliavento. E pensare che proprio quest’arbitro – che con l’Inter ne ha fatte storicamente di cotte e di crude (su tutte quell’ignobile direzione contro i nerazzurri, pur vincenti, a Torino ancora ai tempi di Stramaccioni) – ha uno score incredibilmente positivo negli incroci Inter-J**e: 3 direzioni con ben 2 vittorie nerazzurre ed 1 sconfitta (ma in Coppa Italia). Ma dico io: di fronte a tanta manna, dove andremo mai a finire…….

  • Fabio Inter2010

    Ieri sera alcuna giocatori sembravano fossero in campo solo per fare una rimpatriata tra vecchi amici….Nagatomo che causa il secondo gol degli israeliani facendo un fallo inutile, a proposito se andate a rivedere tutti i gol che prendiamo quando gioca Nagatomo purtroppo ci sono sempre suoi errori che poi sono decisivi alla fine del risultato, per carita’ e un ottimo professionista pero’ purtroppo secondo me non puo’ giocare nell’ inter, Brozovic praticamente e stato fermo in campo, sembrava addirittura svogliato, Melo non pervenuto e via via tutti gli altri…si sono salvati secondo me almeno per impegno Eder, D’ambrosio,Medel, Palacio e anche i nuovi entrati Banega,Candreva e Icardi….Comunque non si possono fare queste figuracce e domenica arriva la Giuve, ovvio l’ inter scendera’ in campo con molti dei titolari che ieri non c’ erano pero’ conta non sbagliare l’approccio alla partita e giocare contro la Giuve mettendo in campo grinta, determinazione e soprattutto cuore altrimenti io la vedo nera……Bisogna che i giocatori si mettono in testa che devono rispettare la maglia dell’ inter ed e anche ora che qualcuno in societa’ glielo faccia capire. P.S. Avete visto oggi il titolo della gazzetta dello sport? Chissa’ se era qualche altra squadra a perdere contro gli israeliani se avessero fatto lo stesso titolo….io non penso proprio, ma si sa’ come diceva il grande Mou : “Noi abbiamo solo inter channel che parla bene di noi” Amala!

    • andrea1952

      Brosovic non lo puoi impiegare fuori ruolo, fra le linee a fare cosa? Senza considerare le vicende di mercato che lo hanno riguardato, è sul mercato, non è sul mercato, va alla rube, non va alla rube. I giocatori sono dei bambini guidati dai loro procuratori, chi vi dice che non fosse “imbeccato” dal suo procuratore o da qualche rubentino per poi a gennaio prenderlo svalutato? E’ un’ipotesi, ma partorita dal fatto che oggi non ci sono più giocatori, ma mercenari che andranno da chi li paga di più, e se lo impedisci di sabotano. D’ambrisio, un bradipo dandole atto dell’impegno. Come può sperare Frank cambiando 8/11 che ci sia un’intesa, un minimo di coordinamento, se questa non l’hai, diciamo nei titolari, oggi giorno non ci sono squadre materasso, tutte si impegnano, corrono ed hanno un buon livello tecnico, di schemi, di gioco, tutte cose che mancano ai nerazzurri, se poi ci metti pure del tuo impiegando non i titolari, cosa speri? Poi quando perdi 2 0 mandi in campo gli attaccanti, domenica andò bene, ma non è sempre domenica

  • http://www.nedopaglianti.altervista.org/ Nedo Paglianti

    Perché non esiste un organo superiore a cui denunciare queste schifezze? Questa testa di carson malata grave della Christillin alla FIFA (…ma poi perché solo gli iuventini hanno ‘sti cognomi della minkia: Elkann, Cobolli Gigli, Christillin) equivale a una bestemmia in chiesa. Possibile che siano tutti così decerebrati da non rendersene conto?!… Come siamo ridotti.

    • andrea1952

      La nobiltà vera, presunta od acquistata ha sempre avuto nomi altisonanti, per camuffare le loro porcherie reali o la storia dei loro blasonati antenati carichi di ladrate, ruberie, omicidi e porcherie di ogni genere. Esempio Elkann, famiglia di religione ebraica, che mentre i loro correligionari morivano nei campi di concentramento nazifascisti loro se ne stavano comodamente in Svizzera imparentandosi con gli Agnelli sostenitori del fascismo, di quel fascismo delle leggi raziali. Cobolli Gigli ex presidente juventino nipote di Giuseppe, ministro lavori pubblici di Mussolini e gerarca della Repubblica di salò che teorizzava la pulizia etnica della Venezia Giulia, attraverso la sostituzione delle popolazioni «allogene» autoctone con coloni italiani provenienti da altre provincie del Regno, scriveva “Il paese sorge sul bordo di una voragine che la musa istriana ha chiamato Foiba, degno posto di sepoltura per chi, nella provincia, minaccia con audaci pretese le caratteristiche nazionali dell’Istria.”: Cristillin, “amica” di Gianni Agnelli, grande sperperatrice di denari pubblici con le Olimpiadi invernali di Torino volute dagli Agnelli i cui impianti ora giacciono inutilizzati o fatiscenti perché inutilizzabili. Evelina Christillin presidente del TOROC organismo di diritto privato, quindi non soggetta ai controlli pubblici per appalti, consulenze e spese inerenti giochi olimpici invernali, ma anziché fondi privati, che avrebbe dovuto adoperare, utilizzava fondi pubblici, un escamotage per avere soldi pubblici ed adoperarli privatamente dandoli senza controlli, agli amici degli amici. Presidente dell’ENIT poltronificio inutile che doveva essere abolito, ma da quando l’ente è in sfera Agnelli non se ne è fatto più niente. Amico fammi altri nomi rubentinesi, e ti narrerò la loro storia

      • http://www.nedopaglianti.altervista.org/ Nedo Paglianti

        Andrea, potresti condividere la fonte di queste notizie? Non sai quanto mi sarebbe utile per altre cosucce che sto preparando…

        • andrea1952

          Basta andare au Google cliccare “Agnelli fascista” e compare un articolo della rivista “articolo tre” allego link http://www.articolotre.com/2016/03/gli-agnelli-la-fiat-il-fascismo-la-massoneria-e-bilderberg-parte-prima/ Invece per Cobolli Gigli fonte Wikipedia, Per la Cristillin basta cliccare il suo nome o olimpiadi invernali di Torino e compaiono tutte queste notiziole

          • http://www.nedopaglianti.altervista.org/ Nedo Paglianti

            Beh, pensavo si trattasse di qualcosa di più difficile da reperire. Allora sarebbe utile diffondere al massimo. Grazie And!

  • andrea1952

    non ho visto l’intera partita con la rube, causa colica renale, ma da quello che ho visto, mi domando ma era la solita squadra vista contro Hapoel? A parte i cambi, troppi, ma la squadra oggi ha giocato e non ha fatto giocare la rube, ha fatto pressing, gioco enormemente più veloce anche in confronto delle partite di campionato. Ma perché, perché poi con squadre considerate minori facciamo la figura dei peracottai, svogliati, senza schemi e quello che ho sempre detto nei post precedenti? Non basta vincere contro la rube, in campionato ci sono altre 19 squadre e tutte dico tutte vanno affrontate così. Intanto Banega, bravissimo oggi, la prossima non ci sarà, per una seconda ammonizione ridicola, bisogna pur tutelare la signora, anche se indirettamente, ma nel complesso, escluse, alcune decisioni dubbie, tipo quella dell’intervento di octopus killerini su Icardi in area, direzione accettabile

  • ORP1964

    LIBERA LIBIDINE IN LIBERO STADIO….

    E’ risaputo che i tifosi e gli appassionati di calcio – chi più, chi meno – siano
    umorali per definizione, anche a prescindere dalle rispettive carte d’identità. Ed al sottoscritto – dopo aver (in un precedente post) addirittura prefigurato un’eventuale “dipartita hollywoodiana” per lo “zio Frankie”, ma
    soprattutto alla luce di un’Inter-J**e mai così da sballo come ieri sera –
    toccherà ora, quindi, fare atto di contrizione e piegarsi (piacevolmente)
    all’evidenza dei fatti nerazzurri. Ebbene, da ieri è ufficiale, visto che il tecnico olandese s’è finalmente deciso a gettare la maschera o, meglio, a scoprire le sue mani: FdB non sarà più solo il monogramma di Frank de Boer, ma anche e soprattutto la matrice nerazzurra di “Figlio di Buonadonna”. Perché solo un allenatore con in dote queste esclusive “stimmate anagrafiche” (Padre Pio – che di nerazzurro herreriano “ne masticò” più di 50 anni fa – dalla sua “teca tecnologica”, spero, mi perdonerà…..) avrebbe saputo rifarci finalmente godere per un successo casalingo contro quei loschi figuri (ché, a violare il loro Stadium – nonostante tutto e tutti – ci avevano già pensato Stramaccioni & friends giusto 4 anni fa). Era dai tempi del comandante Mou – a parte quell’amaro epilogo ai rigori nella semifinale di ritorno della scorsa Coppa Italia – che i nerazzurri non li rispedivano a Torino con le pive nel sacco, come si usava dire una volta. Correva l’anno aureo 2010: non so se mi spiego! E se le pive hanno poi assunto le sembianze di ben 2 corna (sul) muso – da cui il predetto strumento musicale…. – ora non si può che dare pieno sfogo a tutta l’eccitazione e l’entusiasmo possibili. Ma sì: ‘LIBERA LIBIDINE IN LIBERO STADIO’ e chissenefrega se i fantomatici
    eredi dello statista torinese Cavour non potranno mai approvare la parafrasi calcistica di quel suo motto (“Libera chiesa in libero stato”), né tanto meno
    riuscire a concepire i confini dello scibile (e della fantasia…..) nerazzurri.
    Con buona pace persino degli anticlericalisti più convinti: tanto si sa già che
    per la maggior parte dei calciofili nerazzurri l’Inter rimarrà sempre un
    “oggetto” di culto.

    Allora tutti pronti a spuntare sul calendario la prossima funzione religiosa che verrà celebrata fra soli 3 giorni in quel di Empoli: però, “si prega” vivamente De Boer ed i suoi adepti di non discostarsi troppo dalla convincente omelia appena impartita a quei “senza Dio” piemontesi.

    • andrea1952

      non sapendosi a cosa attaccarsi ( glielo suggerirei io, ma dovrei adoperare un francesismo) hanno cercato di sviare l’attenzione su due fatti. 1) l’affare Brosovic 2) i buuu che ci sono stati contro Asamoah lo evidenzia La Stampa e Calciomercato.com sentenziando pure la punizione per i nerazzurri. Loro sono pure chiaroveggenti capaci di interpretare i buuu come razzisti e non come possibili critiche al calciatore. Ora se anche solo ti scappa un fischio contro un giocatore di colore, soprattutto rubentino, sei fregato. Ricordi tutti gli improperi, cori, ed offese che venivano rivolte contro Balotelli, con la maglia nerazzurra, venivano sempre sminuiti e visti in maniera scherzosa od addirittura provocati da Mario stesso. Vennero visti come cori razzisti solo quando Balotelli passò al BBilan, un caso?