La magia di Massimo Mauro: insultare i tifosi dell’Inter e offendere gente che soffre con una singola battuta

admin 24 aprile 2017 12 2.361 views
La magia di Massimo Mauro: insultare i tifosi dell’Inter e offendere gente che soffre con una singola battuta

Va bene fare i brillanti e inventarsi modi creativi per prendere in giro l’Inter (anche se da un’emittente come Sky sarebbe lecito attendersi imparzialità, visto che a pagare l’abbonamento sono tutti i tifosi. Ma è utopia quando a comandare sono altri), ma stavolta Massimo Mauro ha francamente esagerato. Durante il solito teatrino di Sky Calcio Club, l’ex calciatore e oggi opinionista (già, ma in base a cosa?) si è lasciato andare a una battuta che definire infelice è puro eufemismo: “Un mio amico interista mi dice che è meglio fare la dialisi che guardare le partite dell’Inter”. A ridere, ovviamente, in studio è stato solo lui e anche il ben poco morigerato Caressa gli ha dovuto far notare la m… che aveva appena pestato. Forse Mauro non si rende conto di cosa voglia dire per la gente costretta a farlo andare in dialisi, altro che una partita di calcio. Ma è la conseguenza di voler fare lo spiritoso per insultare una squadra che non vince e per cui stai godendo, dall’alto della tua juventinità e dell’amicizia che ti lega alla proprietà della Juventus. La stessa che ha un ruolo nel CdA di Sky, la stessa con cui condividi l’appartenenza a un noto Golf Club. Ma al di là dei fastidiosi conflitti d’interesse e dell’inutilità professionale della sua presenza in una tv a pagamento, quanto meno sarebbe lecito che pensasse prima di aprire bocca e insultasse allo stesso tempo sia i tifosi di una squadra di calcio (una buona fetta dei loro abbonamenti tv) sia persone che quotidianamente hanno a che fare con una tragedia personale da cui non si riesce a uscire. Diciamo solo che Paolo Di Canio è stato sospeso per molto meno, ma a Sky sanno tutti da che parte tira il vento.


  • maigobbo

    quando uno frequenta la squadra dell’onorata famiglia ne rimane contagiato ed assorbe tutta l’eleganza, la classe, la compostezza e la sportività proprie di quella squadra e dei loro tifosi. Altro non c’è da dire e non mi abbasso ad augurare al sig. mauro di dover in futuro affrontare una dialisi: non ho mai frequentato quella gente e mi è rimasta quindi una briciola di intelligenza. Come diceva una nota canzone: “Povero diavolo, che pena mi fa”

  • andrea1952

    E’ solo un rubentino, quindi indefinibile, lo definisci minorato mentale? Troppo poco ed offensivo per i minorati. Ominide? No lui è in uno stadio ancora inferiore si un ominide, forse può lottare con un cercopiteco. Definirlo acefalo è un termine che non si trova nel suo vocabolario. L’Unico termine a lui appropriato è juventino, o meglio rubentino con questo temine li riassumi tutti è la peggior offesa che puoi fare ad un essere umano. E’ talmente ottuso, ecco un altro vocabolo sconosciuto ai rubentini, che non si rende neppure conto di offendere od insultare intere categorie di persone. E’ un raccomandato, un inetto che è lì solo perchè facente parte del gregge degli Agnelli. Insomma il classico italiota, incapace, inutile ma raccomandato che è lì per la sua unica capacità, leccare il culo e prendere il posto ad uno che invece sarebbe capace ed esperto

  • luis, carini villagrazia

    Si vede in questa battuta tutta l’imbecillità di questo individuo, che già era scarso come giocatore e ora ancor di più come opinionista, forse entrato alla Sky come tanti raccomandati che ci sono in Italia…. non per la bravura di giornalista (che è un laureato)….

  • leggo.solo.tuttosport

    Il soggetto è compagno di merende dell’onestone Platini, con cui ha giocato dal 1985 al ritiro del francese dall’attività agonistica.
    Passato dalla Juventus al Napoli, ha avuto come direttore generale Luciano Moggi, con cui ha consumato molte merende ed ha imparato tante altre belle cose.
    Oggi consuma le sue merende al Circolo Golf Royal Park I Roveri a Torino, di cui è consigliere, con Allegra e Andrea Agnelli presidente e vicepresidente.

    • andrea1952

      la mafia adopera varie coperture per svolgere le sue attività criminali. Circoli ricreativi, bocciofile, rimpatriate fra amici. Questo ai piani bassi, nei piani alti si riuniscono negli sporting club, circoli del tennis, o GOLF CLUB, chiaramente molto esclusivi, riservati solo alle élite, le cupole mafiose dove decidere i destini finanziari, economici, politici e CALCISTICI italiani

  • andrea1952

    amici, ma non sentite anche voi un fastidioso rumore di unghie che stridono nel tentativo di arrampicarsi sugli specchi? Non vi preoccupate sono silo rumori fatti dai prostituti intellettuali alla notizia delle dichiarazioni di Conte che vincere in Ingland la CL sarebbe più dell’avere vinto 3 scudetti con la rube in Italia. Apriti cielo, spalancati terra, subito i lecchini Franco Ordine, ed i vari contorni rubentini di top calcio 24 affannati ad interpretare, cavillare sulle dichiarazioni dell’ex rubentino, No, Conte si riferiva al valore monetario di una vittoria in GB, no lui voleva dire che vincere il primo anno la CL valeva i 3 scudetti, no, è solo una bufala mediatica, una interpretazione giornalistica per screditare Conte. Nessuno ha avuto il coraggio di affermare che Conte conosce benissimo i metodi che adotta la vecchia non signora per vincere gli scudetti, quindi, essendo sconosciuti in Inghilterra, lì le vittorie sono vittorie e le squadre non si “scansano” e neppure adoperano le schede telefoniche svizzere o le flebo nell’intervallo delle gare ai giocatori, non vengono ammoniti giocatori ad arte per non farli giocare contro i pigiamati ed i tifosi quando vedono un proprio giocatore fingere un infortunio o simulare un fallo sono i primi a fischiarlo, a Dybala fischierebbero le orecchie ad Ogni uscita dal campo

  • luis, carini villagrazia

    Passatela al mauro rubentino:

    Dopo una lunga e attenta valutazione, nell’estate 2015 UEFA.com ha stilato l’elenco delle nove squadre che hanno dominato la loro epoca dopo la nascita della UEFA nel 1954. Clicca sui seguenti link per approfondire la storia di ognuna.

    Ungheria 1950-56: una squadra magica

    Real Madrid 1956-60: i pionieri d’Europa

    Benfica 1960-62: le meraviglie di Eusébio

    Inter 1962-67: la grande Inter

    Ajax 1971-73: i re del calcio totale

    Bayern 1973-76: il primo dominio tedesco

    Milan 1988-90: la rivoluzione di Sacchi

    Real Madrid 1998-2002: i Galácticos

    Barcellona 2008-12: le imprese di Guardiola

  • andrea1952

    Premesso che non voglio giustificare il gioco dell’Inter nelle ultime partite, ma vorrei porre l’attenzione sulle decisioni arbitrali prese ai danni dei nerazzurri nelle ultime gare. Fuorigioco di Scick non segnalato, fuorigioco di Babacar nel goal con la Fiore, rigore concesso alla fiore non tenendo conto dell’entrata in gioco pericoloso dello stesso Babacar su D’Ambrosio. Andando indietro nel tempo, i rigori negati contro la rube e l’intervento arbitrale per fermar Icardi lanciato a rete da killerini. I 7 minuti di recupero ingiustificati nel derby senza contare i rigori non concessi ad Icardi. Poi basta vedere la classifica rigori a favore 4 contro 5 Roma 12 contro 4 Milan 10 contro 8. Considerando che il minutaggio del tempo in cui la palla è in area di rigore avversaria è ampiamente a vantaggio dei nerazzurri. Ripeto questo non giustifica il comportamento della squadra, ma certo non aiuta

  • disqus_HED

    A parte questo individuo che non merita nemmeno di esistere ..il nostro vero problema è cosa ne sarà della nostra squadra il prossimo anno ,vedo ripetersi ogni anno le stesse cose ..via l’allenatore si acquistano due o tre giocatori e si ritorna fare un canpionato di mezza classifica al massimo per l’uefa.Purtroppo c’è qualcosa che non quadra nella gestione della societa
    AMALA

    • andrea1952

      E’ semplice, in società manca un “intenditore” di calcio, manca un manager, dei tanti, forse tropi, che ci sono, che tenga la barra del timone dritta sulle esigenze di gioco della squadra. Mi spiego meglio, è lapalissiano che il tallone d’Achille dei nerazzurri è la difesa, è superfluo ingaggiare attaccanti. E’ solo un esempio, ma finora l’Inter ha seguito questa strada, comprare giocatori spesso doppioni e restando scoperta in settori nevralgici del campo, vedi un regista e fasce. Speriamo ritorni Oriali e che sappia dare una quadratura logica alla rosa della squadra, ma sentiti i rumors non mi sembra che sia un’annata diversa dalle altre

  • andrea1952

    Come da copione, la rube ha già vinto il campionato ed allora possono arrivare le “sviste” arbitrali a suo sfavore, come avvenuto con l’Atalanta, ottenendo due scopi, uno dimostrare che gli arbitri sbagliano anche a discapito della rube. Due si favorisce l’Atalanta diretta rivale dell’Inter per un posto in EL, per gli arbitri fra i due meglio favorire l’Atalanta che l’Inter

  • Nico51

    Io proporrei a tutti i tifosi interisti di disdire il canone Sky , pacchetto calcio,in modo che questi commenti post partita semplicemente scandalosi tendendenti a giustificare gli operati arbitrali nei confronti dell’Inter a prescindere (vedi quello di massimo Mauro il quale con Mourignho non riusciva ad aprire bocca) se li ascoltino loro .