Storia di una partita mai giocata

admin 10 novembre 2014 21 3.913 views
Storia di una partita mai giocata

L’Inter è questa. Non c’è nulla da aspettare, nessuna margine da scoprire, nessun infortunato da attendere, nessuna buona sorte da pescare. Un anno e mezzo rappresenta un lasso di tempo ampiamente sufficiente per potere formulare un giudizio scevro da fattori contingenti quali infortuni, sfiga, arbitri corrotti e cattivo tempo. Il giudizio è, dunque, ad oggi, quello di una squadra dalla fragilità tattica e mentale disarmante. Ora, se le partite le giocano i calciatori, è pure vero che gli allenatori a qualcosa debbano pur servire e se questi benedetti allenatori non sono in grado di offrire ai giovanotti solide basi tattiche e mentali, allora è la fine. Quest’Inter è lo specchio sputato del suo allenatore. Sempre tremendamente in ansia, sempre integralmente uguale a sé stessa, sempre priva di idee, di gioco, forse anche di grinta.

Oggi, non è vero che il gruppo segua il suo capobranco. È vero al contrario che il gruppo – composto da fior di professionisti – si comporta da gruppo composto da fior di professionisti e, dunque, per quanto può, gioca come chiede Mazzarri. Ma sposare le idee del proprio allenatore è altro. È sputare sangue per il proprio allenatore e per quella maglia, è correre fino alla fine come se fosse l’ultima partita della storia, è chiamarsi Samuel Eto’o e fare il terzino alla Nagatomo. Questo significa seguire il capo. La storia di Mazzarri all’Inter, ove fosse mai iniziata, è terminata, comunque vadano le prossime partite. Perché se pure un miracolo ci porterebbe a vincere – che ne so – il derby e poi l’altra e poi l’altra ancora, comunque alla prima sconfitta (che arriverà) si ricomincerebbe con la solita rumba.

In mezzo a tutto questo si colloca il 2 a 2 con il Verona che non perderà 7-0 con la Juventus, ma che non è nemmeno l’Ajax degli anni ’70. La partita di ieri sera mi ha sfiancato: ho faticato tremendamente insieme ai giocatori per cercare, prima, di fare il secondo gol e, poi, per cercare di difenderlo, ma niente. Niente da fare. Ogni santa azione avversaria era un’azione da gol, tipo partita precampionato in mezzo alle Alpi con una rappresentativa qualunque. Sapete, però, qual è la cosa più disarmante? Le dichiarazioni post partita. Se, durante questa gestione, Mazzarri avesse una sola volta – dico una – dichiarato di aver fatto male la partita, di aver sbagliato approccio o cambi o formazione, io sarei stato più tranquillo. Avrei pensato di avere in panchina uno consapevole dei limiti propri e della squadra. Invece no. Nelle dichiarazioni post partita, Mazzarri, preso da fumi non meglio precisati, racconta di partite totalmente fantasiose, partite che non ci sono mai state, azioni da gol mai create, gioco mai prodotto.

Ieri sera ha rivisto una partita che non è mai stata giocata e, in preda alla smania da scusa, ha pensato bene di buttarla in “casciara” tirando in ballo la pioggia e dimenticandosi delle palle gol del Verona nitide, ben costruite e clamorose. Altro che sfortuna: Mazzarri è uno fortunato. Fortunato ad avere, per esempio, Handanovic che, se non avesse preso tre rigori, ci avrebbe fatto scoprire una classifica ben peggiore. Il bello è che la febbre da partita immaginaria è contagiosa tanto che alcuni sono riusciti a vedere un segnale di ripresa nell’ultima settimana, nel pareggio in Francia, nell’esordio di Bonazzoli. Dio mio, quanto si è abbassata la soglia della sufficienza. Fatto sta che, nella sua partita immaginaria, il colpo di genio è stato rappresentato dall’ingresso in campo di Osvaldo a 30 secondi dal termine. Il segno del totale annebbiamento delle sue idee.

Ora basta, però. Fare delle stagioni di transizione va bene, diventare gli zimbelli dei campi di serie A (compreso il nostro) è una vergogna. Se ne vada. Dia le dimissioni, rinunci allo stipendio e lo recuperi altrove. Questa storia d’amore non è mai iniziata e si trascina stancamente verso un epilogo scontato. La frattura è troppo grave per essere ricomposta e i tempi maturi per l’addio. Conservi quel briciolo di dignità (calcistica, per l’amor di dio) che gli resta qui all’Inter e saluti cordialmente. Che di partite immaginarie ne abbiamo le scatole piene. Ci mancano quelle vere, quelle col sangue agli occhi, quelle del “non mollare mai”, quelle da Inter, insomma.

Giancarlo De Cata


  • Anselmo

    Purtroppo oltre a Mazzarri c’è qualcun altro che vede partite immaginarie… aspettarsi che 1 allenatore dia le dimissioni sarebbe come sperare che il governo abbassi davvero le tasse…. e quindi? Ci teniamo il ns. Mister che piaccia o non piaccia.
    Purtroppo questa e la ns situazione. Però anche la societa potrebbe/dovrebbe far qualcosa. O lo esonera o lo sostiene a prescindere… chieda che smettano i fischi, oppure licenzi questo dipendente. Continuare cosi non ha senso.

    • StefanoPD

      Thohir nel “summit” di oggi lo ha riconfermato. Poteva sfruttare la pausa per dare almeno un segnale, ma il “filippino” mi sembra più un curatore fallimentare che altro.

      • Ben Johnson (9″79 in pista)

        O adesso o mai più, almeno fino alla fine dell’anno. Purtroppo.
        Sarebbe stato meglio prima dell’altra sosta.

        Ma chi ci metti al posto suo?
        Mancini sarebbe il mio preferito. Conosce l’ambiente, anche se i cavalli di ritorno non sempre funzionano.
        Riguardo ai soldi, in questo momento preferirei spenderli per un allenatore in gamba piuttosto che per acquisti alla Hernanes che ci è costato il doppio del suo valore (che peraltro non nego).
        Manca una punta? Dentro Bonazzoli e Puscas: Il Mancio ha valorizzato Balotelli.

        Ma facciamo i conti senza l’oste. Lui ritornerebbe?

        Ho letto, non ricordo dove, che le ricapitalizzazioni sono ammesse dal fpf fino a 40mln. Non ho avuto modo d’informarmi e non so se sia vero, ma se così fosse Thohir dovrebbe mettere mano al portafoglio.
        Ne sai/sapete di più al riguardo?

        Forza Inter!

    • danielinter

      Fischiare è un diritto per esprimere il proprio dissenso, secondo me, esercitato da chi paga fior di quattrini per vedere uno spettacolo che alla fine non c’è.
      Detto questo, la società si è organizzata alla perfezione per limitare al massimo le manifestazioni contro l’exallenatoredelnapoli, infatti da 2 partite gli allenatori non vengono più nominati…..quindi a S Siro, oltre a trovarmi di fronte uno spettacolo triste, con il dolore fisico allegato nel vedere la MIA Inter ridotta così, non ho più neanche la consolazione di manifestare tutto il mio schifo contro colui che ritengo il massimo responsabile di tanta miseria!!

  • andrea1952

    premetto che non ho visto la partita, ma credo che sia ininfluente, perchè oramai l’Inter non si smentisce mai, soliti difetti da 4 anni ad oggi, amnesie difensive, lentezza di gioco, passaggi errati e mancanza di schemi. Ho l’impressione anche che alcuni giocatori giochino contro Mazzarri, che oramai è appoggiato solo da ET, per ragioni esclusivamente economiche, ed anche lui non so quanto possa resistere.

  • Patrizia Calvi

    Sono perfettamente d’accordo su tutto, sarebbe sentirsi liberati da un peso se WM lasciasse la
    panchina dell’Inter, ci darebbe quel pizzico di ottimismo necessario per sperare che qualcosa possa migliorare, si è già perso troppo tempo, inutile aspettare il miracolo che non arriverà mai.

  • Anselmo

    Giusto per chiarire meglio il concetto:
    a) WM non mi piace, non è funzionale all’Inter, troppa ansia da prestazione
    b) WM non ha il quid vincente
    c) WM non ha elasticità mentale.
    Questi sono concetti che vado ripetendo da illo tempore.
    Lo dico x evitare che qualcuno pensi che sia impazzito o abbia cambiato idea.
    Ma sostengo anche che:
    1) la squadra è mediocre
    2) la società oggi non ha un “capo” nel vero senso della parola
    3) i tifosi sono troppo impazienti.
    4) la stampa fomenta ogni tipo di meschina polemica. (WM viene inquadrato almeno 50 volte in tutte le angolazioni, manco fosse una bella gnocca, Inzaghi x fare un esempio al max 3 volte….)
    Alla fine si evince che la colpa è di tutti, come scrive il post in campo vanno i giocatori e non mi si dica che questi applicano gli schemi di WM o no.. suvvia siamo seri. I Se fosse cosi, Zeman avrebbe vinto 100 scudetti….
    In campo vanno i giocatori e alla fine decidono di giocare in una maniera o in un’altra a seconda di come gli pare. Secondo voi il primo gol di Icardi è frutto di schema oppure della giocata del singolo (Palacio nel caso)?
    Come dicevo questo abbiamo e questo dobbiamo tenere. Se non viene esonerato oggi o domani non lo sarà mai piu fino alla fine della stagione. E allora?
    Allora abbiamo 3 strade
    A) seguiamo l’Inter a prescindere dal mister, e la incitiamo (non ascoltando poi le dichiarazioni post partita)
    B) mostriamo disinteresse totale
    C) ci incazziamo per nulla perché tanto non cambia niente.
    Io voto, turandomi il naso, per A), semmai fischio la squadra e il mister a fine partita ma che senso ha iniziare a fischiare ancora prima dell’inizio…. che senso ha questo muro contro muro con un allenatore che tra l’altro non fa altro che agitarsi e trasmettere tensione alla squadra?
    togliamo anche questo alibi alla squadra e vediamo.
    ditemi che senso ha il gesto di Icardi di ieri? vogliamo che poi anche lui segua la strada dei vari Ibra e Balotelli e Santon, etc etc ?

    • Ben Johnson (9″79 in pista)

      Ciao Anselmo.
      Sono d’accordo con te sui punti 2) e 4).

      Riguardo a quest’ultimo, l’assenza di un ad che stia “sul campo”, con ampie deleghe, si sente. Un presidente che vive a migliaia di km di distanza non può, anche se volesse, avere il polso della situazione come invece sarebbe necessario. Si può occupare delle strategie generali ma non della quotidianità più impellente.

      Sul punto 1) sono d’accordo nell’assoluto ma non nel relativo.
      Mi spiego. La squadra ha delle mediocrità evidenti (soprattutto per il gioco, l’unico, che sa fare WM) ma rispetto al livello del nostro campionato secondo me potrebbe fare una figura migliore. Quelli che ci hanno steso (e che puntualmente le hanno buscate la domenica dopo o sono rientrati nell’anonimato) non mi sembrano dei mostri o avere una squadra superiore.
      Le prime due hanno un organico decisamente migliore, come pure il Napoli, ma a me piacerebbe vedere i nostri con un altro modulo ed un allenatore che, invece di lamentarsi col vice per ogni errore, sia capace di dare la carica.

      Sul punto 3) non sono d’accordo. I tifosi hanno il sacrosanto diritto di essere impazienti di vedere uno straccio di gioco dopo oltre 50 partite con l’attuale mister.
      Qui, mi pare, nessuno vagheggia di scudetti o d’altro. Tutti vorremmo, prima di tutto, un gioco convincente e carattere da vendere, per poter sperare in un futuro migliore. Questo progetto non è mai decollato.

      Fischiare a priori è stupido, come pure stupido è stato il gesto di Icardi dopo il primo gol, perché tutto poteva pensare fuorché che i fischi fossero diretti a lui. È forse il pupillo di Mazzarri e si è risentito per il trattamento riservato al mister? No. E quindi? Per chi e per cosa se l’è presa? In quel momento non si stava fischiando la squadra e il battibecco appena uscito dal campo dimostra quanto scollamento e disorientamento ci sia all’interno dello spogliatoio.

      Opto anch’io per l’atteggiamento A) anche se non ho la vocazione al martirio.

      Forza Inter sempre!

      • Anselmo

        Ben con tifosi impazienti intendo dire che ci hanno detto che il progetto ha un orizzonte di 3 anni e allora dobbiamo attendere; io pure non ho vocazione al martirio e se devo essere sincero faccio fatica a “sentire” la partita; poi è dai tempi di Leo che non ascolto più una conferenza post partita (ovvio che dopo quelle del Vate cosa vuoi ascoltare…).
        Cerco solo di impormi che il calcio alla fine è un gioco.
        Giusto per la cronaca tieni presente che io lavoro a VR e quindi figurati se non sentivo la partita e avrei voluto vincerla… ti lascio immaginare l’incazzatura finale.
        Sullo scollamento squadra/tecnico beh che quei paraculi di giocatori lo facciano apposta è evidente; una cosa però mi sta piacendo del campionato italiano di quest’annno.. al oggi se ricordo bene sono il tecnico del Chievo è stato esonerato; Donadoni confermato Di Francesco pure, intendo dire finalmente i dirigenti hanno capito che anche esonerare ha un costo e spesso non porta a nessun risultato evidente.
        Chiedo siamo convinti che esonerando WM i risultati migliorerebbero?

        • Ben Johnson (9″79 in pista)

          Ma, sai, uno potrebbe chiedersi anche il contrario:
          siamo convinti che NON esonerando WM i risultati miglioreranno?

          Secondo me, allo stato attuale, faremmo meglio anche io e te in panca! 🙂

  • manuel58

    dopo la partita di ieri sera e’ meglio x tutti che Mazzarri venga esonerato, ho visto un’uomo ormai alla disperazione e il peggio e’ che quell’ansia la trasmette alla squadra, purtroppo non se ne esce, ormai non e’ piu’ solo x la classifica ma e’ soprattutto un caso umano, Mazzarri si e’ perso nelle nebbie del suo amato 352 che avrebbe bisogno di ali fantastiche che non ha, di gente che attacchi gli spazi ma non ne vedo(escluso Kovacic)
    e in questo modo si va avanti a sprazzi, se si continua cosi’ a San Siro non 27000 ma 2700 saranno gli spettatori, ridateci x favore la vera INTER, questa e’ un surrogato!

  • Jonny Jonny

    mi piacerebbe una volta vedere i testa di cazzo come rocchi dare cartellini gialli e rossi anche ai ladroni d’italia con facilità come fanno con i giocatori dell’inter,o dare rigori con facilità come fanno con l’inter,mi ricordo decine e decine di falli di mano degli avversari dell’inter che gli arbitri hanno fatto finta di non vedere,poi rocchi è propioun professionista quando deve decidere episodi contro l’inter,scusate sarò paranoico ma io ci vedo molta ma molta malafede,per non dire altro.

    • Andrea De Murtas

      Colpa di Rocchiiii!!1!!
      Medel mica si poteva tagliare le maniiiiii….
      de ceglie è cresciuto nella Juve!!1!!1!!
      Complottooooo intergalatticooooo contro l’Interrrrrr!!!
      IL PRESIDENTE DEL VERONA TIFA LA JUVEEEEE!!!1!!!
      STAVA PIOVENDO ERA DA RINVIARE LA PARTITAAAA GOMBLODDOOOO!!!

  • Jonny Jonny

    dimenticavo…………………….rocchi testa di cazooooooooo

  • Francesco Neroazzurro

    Le dimissioni di Mazzarri? Purtroppo è come sperare che nevichi ad Agosto…lascia stare De Cata, Mazzarri non ha nessuna dignità calcistica e lo dimostra ampiamente nelle sue penose dichiarazioni post partita…la cosa più grave che ha detto non è tanto il discorso sulla pioggia, ma quello che “in 10 avrei potuto fare il 441 ma la squadra non conosce questo modo di giocare”: qui è riassunta tutta la limitatezza e l’incompetenza dell’individuo…purtroppo a meno di cataclismi almeno fino a giugno dovremo tenercelo, Thohir continua solo a fare melina questo si è capito ormai…ad Anselmo dico solo che l’atteggiamento prevalente fra i tifosi ormai è il B e francamente non gli si può dar torto, passare il tempo a vedere queste partite è un insulto al tempo libero…dire poi che i tifosi sono “troppo impazienti” dopo un anno e mezzo di scempi e partite soporifere è assurdo…

  • Interista1908

    L’unica cosa veramente importante della partita di domenica è che a fronte dei 30000 abbonati siano andati al campo 27000.

  • king_spartacus

    Non riesco ancora a capacitarmi dell’ennesimo “capolavoro” di domenica sera. Poi, guardo chi ci allena e capisco tante cose. La cosa che trovo assurda è che, dopo un summit ad hoc, nessuno, nè il vecchio presidente nè il nuovo, abbiano preso la fatidica decisione. Eppure, alla vigilia di un derby che ci vede sfavoriti (contro il bilan più scandalosamente scarso degli ultimi anni…che amarezza), pensavo che una mossa del genere fosse ALMENO dovuta. Non per i tifosi, che, ormai, abbiamo capito che nell’Inter di mazzarri non contano niente; ma almeno per i giocatori. Alla fine della partita, è stato emblematico il siparietto tra Icardi e mazzarri: il primo, che chiedeva il cambio da 15 minuti almeno, viene cambiato a 30 secondi dalla fine, a giochi ormai fatti. Ennesima dimostrazione dell’acume tattico di chi ci guida.
    Quello che però mi fa davvero male come tifoso, è che questo incompetente continui nel suo assurdo suicidio tattico giocando sempre con questo modulo. Ma perchè non cambia? Forse pensa che comportandosi da ottuso possa dimostrare di “avercelo più lungo” dei tifosi? Non capisco davvero questo suo comportamento che, a lungo andare, provocherà danni (spero davvero non irreparabili) alla società.
    Mi auguro davvero che il derby sia decisivo, e che Thohir (ammesso che sia DAVVERO lui a comandare) capisca presto che non pagare 4 milioni oggi potrebbe costarci almeno il quadruplo (se non di più) a giugno.

  • Jonny Jonny

    ok ragazzi………noi abbiamo l’allenatore più scarso d’italia come erano scarsi i suoi predecessori compreso mancini,che se non scoppiava calciopoli neanche lui avrebbe vinto niente,gli altri invece sono tutti maghi della panchina, pensate che mourinho avrebbe vinto qualcosa nel 98 ?,anzi ricordo che il primo anno tutti vlevano cacciarlo,voi non vi rendete conto che il campionato di seri a è il più marcio che esista sulla faccia della terra,e l’ultima dimostrazione c’è lhanno data con stramaccioni ,che è andato a romperee il culo ai ladroni d’italia a casa loro nostante l’ennesimo capolavoro arbitrale a favore dei merdosi,e da quel giorno i torti contro l’inter si sono raddopiati,e sfido chiunque dire il contrario,il problemà è sempre stata la società inter,che non si è mai preoccupata del potere politico,lasciando sempre ai due compagliuci di merende di rubare a man bassa,quindi secondo me bisogna lasciare lavorare mazzarri ,e non fare gli stessi errori fatti prima di calciopoli,l’inter di stramaccioni arrivò a unpunto dai ladroni,poi massacrato da arbitri ed infortuni, e le prendeva da tutti,stessa cosa sta succedendo con mazzarri,e chiunque dice che l’inter di mazzarri agli inzi non giocava bene è in malafede,e poi sfidi qualunque allenatore a far giocare bene una squadra con arbitraggi sempre contro,perchp ripeto ancora una volta mi piacerebbe vedere arbitri che non si cacano sotto a dare rossi e gialli o rigori inventati o meno agli amici di merende,lo stesso muntari che all’inter ogni 2 falli veniva buttar fuori,ora i doppi cartelini on li vede più,io sarò paranaioco ma questi campionatison tutti marci.

  • Jonny Jonny

    poi i ladroni hanno vinto largamente con i secondo gol in fuorigioco(sembra che questa regola l’hanno fatta apposta per agevolare ancor di più le ladrate dei ladroni,visto che fin ora se ne sono avvantagiati 4 5 volte)i loro compagluicci per bocca di inzaghi si lamentano degli arbitr vedendo cose strane contro di loro,che naturalmente come fanno sempre si inventano di sana pianta,se avessero rigori inventati tipo gervasoni con l’atalanta non s cosa sarebbero capaci di dire e di fare,ecco perché gli arbitri se ne guardano bene a sbagliare contro i due amici d merende.

  • Ninone70

    Questo allenatore che si ostina con questa difesa a tre (con giocatori che tutti non ritengono adatti) mi ricorda quando l’Inter prese Orrico…un allenatore che pretendeva di fare la difesa a zona (perchè allora era di moda…) con giocatori che difendevano a uomo da una vita…i risultati e il modo di giocare della squadra sono molto simili purtroppo…

  • Francesco Neroazzurro

    SIIIIII !!!! A CASA MAZZARRI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! FINALMENTE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!