Tuttosport lo paragona ad Alex Sandro e boccia Dalbert. Eppure di bocciature ne troverebbe alla Juve

admin 5 ottobre 2017 14 1.278 views
Tuttosport lo paragona ad Alex Sandro e boccia Dalbert. Eppure di bocciature ne troverebbe alla Juve

La polemica ad ogni costo. I risultati sono inattaccabili? Beh, ma il gioco latita. E se non bastasse, ecco la punzecchiatura ad hoc che arriva, guarda caso, dall’organo di propaganda della Juventus, proprio la squadra che ha gli stessi punti della tanto bistrattata Inter. Argomento scelto, Dalbert Henrique, terzino brasiliano che i nerazzurri hanno prelevato dal Nizza la scorsa estate e che ancora non ha ingranato: “Se l’Inter ha versato nelle casse del Nizza 28 milioni per lui (in realtà , evidentemente c’è la convinzione che il ragazzo possa raggiungere il livello che alla Juventus garantisce Alex Sandro, che Marotta pagò 26 milioni al Porto nell’agosto del 2015. Però, a differenza dell’ex laterale del Porto (che ai tempi aveva subito impressionato), Dalbert finora non ha dimostrato il perché abbia indotto Ausilio e Sabatini a spendere tutti quei soldi per lui”. Una polemica sterile, con pochi appigli soprattutto considerando il paragone che proprio Tuttosport sceglie di fare e che è una vera e propria forzatura perché ignora alcuni passaggi: Alex Sandro arrivò a un anno dalla scadenza del contratto col Porto e la Juventus investì una cifra molto importante quando avrebbe potuto aspettarlo gratis un anno dopo. In più, in tutto il girone d’andata di quella stagione giocò titolare appena sei volte perché anche lui, venendo dalla Liga NOS, faticava ad ambientarsi alla Serie A. Solo dopo la 22esima giornata entrò con continuità nell’undici titolare di Allegri, che venne applaudito per il modo in cui aveva gestito il terzino brasiliano. Dalbert è all’Inter da neanche due mesi e la società nerazzurra ha speso una cifra importante (meno di 28 milioni…) per un calciatore che aveva una clausola da 30 milioni e un contratto blindato, altro che scadenza dietro l’angolo. Spalletti lo sta gestendo come Allegri fece con Alex Sandro, eppure già si esprimono pareri negativi sul giocatore, reo di non aver ancora impressionato considerando la cifra investita. Tra l’altro, va aggiunto che il brasiliano della Juventus era reduce da un altro tipo di esperienza internazionale che ancora non è nel bagaglio di Dalbert. un motivo in più per avere pazienza, la stessa che è stata concessa al bianconero. Se poi Tuttosport avesse voglia di fare altri approfondimenti del genere, in casa troverebbe più di un esempio: Bernardeschi (40 e passa milioni), Douglas Costa (46 milioni), Pjaca (che fine ha fatto?), per non parlare di Rugani, il nuovo Scirea che in campo sembra spesso uno che passa per caso da quelle parti. Però è meglio guardare in casa d’altri per cercare il pelo nell’uovo, soprattutto se provi invidia e, chissà, paura.


  • andrea1952

    vero Dalbert al momento non ha convinto, ma è presto per depennarlo dai nerazzurri. La rube ha la fortuna di avere dalla sua parte i media che, tra le altre funzioni hanno pure il riparare i giocatori rubentini dalle figuracce rimediate in campo o di sponsorizzare, sopravvalutare ed ingigantire i giocatori normali della rube per far lievitare il loro prezzo sul mercato leggasi Pogba ora Dybala, Alex Sandro e soprattutto Bonucci per la stampa leccaculista un Dio in terra il nuovo Pelè della difesa, per poi giocare come gioca nei loro compagni di merende. Tutti immancabilmente ridimensionati appena usciti dalle file dei pigiamati. Alla rube i giocatori glieli regalano e quando li cede lo fa a prezzi galattici, salvo poi scoprire che per Pogba poco meno della metà del ricavato è andato al procuratore (a proposito che fine ha fatto l’inchiesta su questo aspetto?) Si guardano bene dal toccare ad esempio il tasto higuain 90 milioni e quest’anno in aspettativa, guai a toccare questo argomento, per alcuni giornali la pancetta mostrata dal giocatore era solo segno di un suo prossimo lieto evento. Addossando la colpa del suo digiuno alla non convocazione nella sua Nazionale a vantaggio di Icardi. Domenica scorsa ha segnato e sembrava che fosse sceso in terra il nuovo messia

  • Marco Romero

    Ma mi ricordo male o è stato pagato 20 milioni rateizzati + bonus?? e non 28 milioni?

  • maigobbo

    tuttosport è credibile quanto me vestito da donna con la parrucca bionda!

    • andrea1952

      non mettere mai limiti alla provvidenza, il futuro è femmina, e bisogna guardare sempre al futuro, come la rube (Del Piero con l’uccello, l’ex presidente rube soprannominato dal mio compaesano Lorenzi/veleno “Marisa”, le cose strane accadute nelle docce dei pigiamati ecc.) che se pone uno sguardo al suo passato si suicidono in massa. L’unica fortuna per i rubentini è che la giustizia non può essere retroattiva altrimenti da tempo immemorabile gli si sarebbero spalancate le porte del carcere di Torino

  • andrea1952

    “Certamente, essendo in un periodo di sperimentazione, c’è un protocollo che disciplina le sue attività che va ancora fissato per bene: qui ci troviamo nella posizione di CHIEDERE UN CONFTONTO PER ARRIVARE A (meglio ad di a, cacofonia, ma da un rubentino parlare italiano è impensabile, meglio il rubantesco od il truffatoresco, neologismi che chiederò all’Accademia della Crusca di adottare per definire i rubentini) UN PROTOCOLLO DEFINITIVO. Ho capito bene? Vogliono concordare l’uso del VAR per farne uno ad uso e consumo dell’associazione a delinquere con contatti ‘ndranghetisti? Capite a che livello d’arroganza sono arrivati i prescritti? Non solo, vogliono continuare a truffare indisturbati, ma vogliono arrivare a dettare le regole per evitare di venir scoperti e sputtanati pubblicamente come successo, in parte con calciopoli. Il cancro con le maglie bianconere, la metastasi maligna del calcio, hanno pure l’ardire di voler condizionare anche quei labili anticorpi chiamati VAR

  • andrea1952

    Leggo su Internew, riportato dalla gazzetta,che nel mercato di gennaio l’Inter dovrà attenersi alle norme del FFP, tradotto vendere per poter acquistare o prendere giocatori solo in prestito. Certo alla rosea (sconsigliata anche come succedaneo della carda igienica dato che il suo colore potrebbe confondere nel trovare tracce di sangue occulto nelle feci) ora che sembra caduto il veto del Governo cinese, non resta che aggrapparsi al platiniano FFP non accorgendosi, essendo mentecatti, che tale dispositivo viene regolarmente, bellamente e furbescamente spernacchiato da qualsiasi società calcistica, degna di tale nome. Quindi se Suning lo rispetta significa solo che il gruppo non è intenzionato ad investire nei nerazzurri, servendosene solo come foglia di fico per giustificare il proprio “braccino corto”. Ma l’Inter deve rispettare il bilancio a zero deficit, si? Solo l’Inter, le altre, PSG, Chelsea, United, loro sono esentati? Il PSG ha investito quasi un miliardo e tutto tace, quali sono le loro entrate, plusvalenze ecc. da giustificare tali investimenti?. Da ogni parte del mondo del calcio si levano voci di rivedere i meccanismi platininiani perché, a differenza di quanto dichiarato, ottengono l’esatto risultato contrario, favoriscono i grandi club a discapito dei piccoli. Solo i nerazzurri, per convenienza, difendono a spada tratta i postulati del FFP con risultati sulla campagna acquisti evidenti, come più volte velatamente o meno sottolineato dallo stesso Spalletti. Spero che quanto scritto dalla rosea sia solo una loro speranza un loro auspicio, altrimenti, meglio non pensarci

  • gio

    A proposito di alex

    Dopo le perle del mitico filosofo buffon ,ecco che anche alex del piero si pone profonde domande esistenziali :
    Ci siamo ritrovati da campioni del mondo a retrocessi in B senza sapere perché!!

    Perchè non lo domanda al suo uccellino ?(intendo quello della pubblicità,non sia
    mai … )
    AMALA

  • Roberto Sinisi

    Caro Andrea, se io venissi a citofonare a casa tua la sera e tu mi venissi a rispondere al citofono il giorno dopo,stai sicuro che io me ne sarò andato né tu saprai mai che qualcuno è venuto a citofonare…
    Però,sapendo che in casa non c’era nessuno è probabile che io tornerò a citofonarti…
    Se invece io venissi a citofonare varie volte sapendo che tu sei in casa ma non rispondi,allora stai certo che io non verrò più sapendo che è fatica sprecata…
    Sappi che ilrumoredeinemici è uno dei siti che leggo piu volentieri,ma se applichi la storiella che ho raccontato come metafora dei commenti che noi scriviamo,capirai come alla fine non siano più molti a scrivere..Purtroppo

    • gio

      vero!

    • maigobbo

      perfettamente d’accordo!

    • andrea1952

      Metafora perfetta, è quello che succede nel sito. Mi spiace perché vi ho trovato sempre persone competenti, con idee diverse, ma mai prepotenti. poi è bello avere scambi di idee, anche se solo su una squadra di calcio. Forse il problema dipende che la redazione è insufficiente come numero, quindi impiega molto tempo ad esaminare i post. peccato davvero un peccato. Anche se io continuerò a postare, più per sfogo che come blog. Ciao e cechiamo di tirare avanti

  • andrea1952

    i prostimedia hanno una fifa da cacarella, temono che Suning, dopo il congresso de PC cinese, inizi ad investire sull’Inter ed allora, come fanno gli spaventa passeri, rispolverano il buon e sempre fidato FFP e sperano che i comunisti diano il benestare a Suning solo per investimenti infrastrutturali e non di mercato. Timori infondati, Suning penserà già per conto proprio a non investire sui nerazzurri, a loro forse basta una squadra da mezza classifica, ma che consenta di poter investire in settori non calcistici. Certamente a parole affermeranno il contrario, ma poi con una scusa o l’altra ritireranno il braccino, inchiappettando allegramente chi aveva creduto in loro, leggasi Spalletti, i tifosi che avevano già cominciato a sognare la loro squadra tornare ai passati fasti. Posso fare un esempio in piccolo che i ns. proprietari vogliono fare in grande? I fratelli Della Valle e la Fiorentina. Loro marchigiani, acquistarono la Fiore, ingaggiarono dei buoni giocatori, non top, ma buoni. Ma il loro obiettivo era investire nello stadio e sue pertinenze. Ora che questo progetto sembra definitivamente accantonato, hanno messo in svendita la Viola. Non sarà così con l’Inter? Vedremo, il tempo è galantuomo

  • andrea1952

    Il derby è andato e bene. Tutto bene salvo alcuni errori in difesa, soliti, poi rimediati da Handanovic. Datemi pure dell’incompetente, ma cosa ci rappresenta Nagatomo all’ala dell’Inter. I problemi più grossi per i nerazzurri sono venuti dalla sua parte. Non capisco poi perché assegnare il goal BBilanista a Bonaventura, quando è stato un autorete di Handanovic? Il portiere devia il tiro di Bonaventura sul palo, la palla ritorna verso il portiere che la trascina in rete, quindi autorete, il pallone non era entrato sul tiro del rossonero. Le ammonizioni 6 dell’Inter contro 2 del BBilan si vede la mano di Tagliavento, dato che con falli simili rossoneri, il cartellino non è uscito. Noto con piacere che i cugini, tifosi, commentatori ed incensatori vari stanno abbassando le orecchie, rispetto al pre campionato, con i numeri è difficile barare. Ma Donnarumma non era quello che con la sua altezza e la sua fama faceva sbagliare i rigori agli avversari? Mah, certe volte il servilismo riesce pure a scavare sotto lo zerbino

    • Anselmo

      Ti aspettavo!!!! quindi ora sei virato sull’argomento Nagatomo visto che non potevi infamare Icardi questa volta….
      A presto Napalm51